TRAZODONE: NUOVE OPZIONI TERAPEUTICHE DI UN FARMACO MULTIFUNZIONALE

Sto caricando la mappa ....

TRAZODONE: NUOVE OPZIONI TERAPEUTICHE DI UN FARMACO MULTIFUNZIONALE

Data / Ora
Data: 12/04/2017 9:00 - 18:30

Luogo
Hotel Donna Camilla Savelli


ID EVENTO 185543 ED.1

RAZIONALE

La depressione è una vera malattia che colpisce persone di tutte le età e razze e ha una incidenza seconda solo alla ipertensione. Un paziente su 10 seguito da un MMG soffre di depressione.

Lo stato depressivo comprende manifestazioni psichiche, psicomotorie e somatiche. Ne deriva una condizione di sofferenza e dolore che conduce la persona verso una sfiducia nelle proprie capacità, perdita di interessi, tendenza al pianto e ansia. Frequenti sono anche i disturbi del sonno. In situazioni complesse, come il paziente geriatrico, è necessaria una diagnosi differenziale tra sintomi fisici e effetti di terapie farmacologiche. Il farmaco ideale per trattare il paziente dovrebbe avere efficacia terapeutica documentata, tollerabilità e sicurezza, assenza di interazioni farmacologiche, maneggevolezza d’impiego, sicurezza in overdose.

Esistono varie classi di farmaci a disposizione del clinico: dagli SSRI ai SNRI, dai triciclici al litio, dagli inibitori delle aminossidasi agli NRI.

Il Trazodone è una sostanza psicoattiva appartenente alla classe delle triazolo piridine, disponibile in compresse, anche a rilascio prolungato, gocce e soluzione iniettabile e ha come indicazione i disturbi depressivi con o senza componente ansiosa.

Nel corso degli anni, la molecola ha dimostrato una particolare efficacia nelle situazioni in cui prevalgono ansia e disturbi del sonno, cosa che di fatto ha incrementato l’uso del prodotto in pazienti con questo tipo di sintomatologia.

L’evento formativo intende far confrontare i clinici sul corretto utilizzo del farmaco: dalla profilazione del paziente adatto all’uso, in particolare in situazione di complessità clinico-terapeutica, ai processi di farmacodinamica e farmacocinetica; dalla definizione dei dosaggi ai rischi legati all’utilizzo prolungato. Saranno utilizzate metodiche interattive e di confronto, come la costruzione di profili paziente e l’esperto risponde